Script support IE Browser

Provate per voi: Saucony Triumph 17

Calzature che ci si dimentica di avere ai piedi, un modello ultramorbido e ultrammortizzato, Saucony presenta le Triumph 17

Calzature che ci si dimentica di avere ai piedi, un modello ultramorbido e ultrammortizzato

Saucony Triumph 17

 

Tra i modelli più comodi mai realizzati, risultato della continua innovazione tecnologica dell’azienda statunitense del New England. 

Da sempre all’avanguardia anche nell’evoluzione dei materiali, la Saucony introduce ora, sui nuovi top della gamma, il nuovo materiale Pwrrun+ (acronimo di Power Run Plus), un TPU (poliuretano termoplastico) granulare espanso, risultato il 28% più leggero, il 5% più ammortizzato, due volte più flessibile, tre volte più duraturo e tre volte più resistente alle variazioni di temperatura, rispetto al miglior EVA.

La Triumph 17, completamente ridisegnata rispetto alla precedente, è il primo modello al top della gamma a utilizzare, appunto, la nuova intersuola in Pwrrun+, con il pacchetto ammortizzante completato da una topsole, anch’essa in Pwrrun+ e spessa 3 mm.

 

Un lungo percorso di ricerca

Da un punto di vista tecnologico, le Triumph 17 rappresentano l’ultimo capitolo del lungo percorso di ricerca che accompagna la produzione running dell’azienda del New England, che nella costruzione della suola, ad esempio, ha già sperimentato l’Everun, dimostratosi molto reattivo e tre volte più resistente dell’EVA.

Un’altra azzeccata scelta della Saucony è stata la diffusa adozione del triflex, un efficiente e razionale design delle suole, formate da una serie di fasce a zig-zag che tagliano trasversalmente la superficie.

Il risultato è un bel comportamento omogeneo, specie sotto l’avampiede, con un’ottima combinazione di trazione, flessione e ritorno elastico e con un disegno che aiuta l’espulsione automatica del terreno eventualmente attaccatosi, con un utile effetto autopulente.

La tomaia adotta la nuova costruzione FormFit con l’obiettivo di perfezionare l’avvolgimento di qualsiasi forma di piede.

 

Impressioni su strada

La nuova tomaia dona un contenimento particolarmente fasciante e confortevole, dove spicca la funzionalità del colletto, che si presenta prensile, elastico e ben avvolgente. Anche la linguetta è ben imbottita, con un manicotto bilaterale in morbida rete elastica e un pregevole inserto superiore in microfibra scamosciata che risulta piacevole anche al tatto.

 

Il lavoro dell’intersuola

L’intersuola, caratterizzata da una portanza particolarmente bassa, risulta eccezionalmente morbida, molto ammortizzata, elastica e flessibile.

 

A proposito di grip

La sottile suola in crystal-rubber a freccia, con rinforzi su tacco e punta in gomma al carbonio, nonostante il disegno poco in rilievo, abbina una valida trazione con una notevole durata. Rivela un’aderenza eccezionalmente buona, capace di mettere al riparo i runner dal rischio di scivolate indesiderate.

 Saucony Triumph 17 suola

Caratteristiche:

Tomaia tubolare, in mesh 3D con tecnologia FormFit e protezioni termosaldate a supporto mediale. Intersuola in Pwrrun+ (Power Run Plus) con alloggio interno in FormFit. Differenziale 8 mm (25,5/33,5). Suola con gomma ai cristalli e al carbonio.

Note del produttore, categoria Saucony: Tech Running Neutral.

Categoria: running protettive ammortizzate.

Misure: US da 7 a 15 (uomo); US da 5 a 12 (donna)

Peso: 305 g (uomo); 261 g (donna)

Prezzo: 170 euro

 

L’articolo completo di Filippo Pavesi lo trovi sul numero 422 di Correre, dicembre 2019.